Posts contrassegnato dai tag ‘tivù’

Pio D'Emilia

Pio D’Emilia

Ma che giornalismo è?!?! Guarda in camera, sorride, ti dice che non ha capito quello che è successo. Poi volta le spalle agli spettatori stupefatti e comincia a camminare (e a parlare nel microfono) mentre si fa largo  in mezzo a file di profughi o fra le camionette della polizia. Pio D’Emilia, un viso sorprendentemente vecchio e bolso nel palinsesto degli eternamente giovani di Sky Tg 24, sembra la contraddizione e la pietra d’inciampo di ogni moderna forma di giornalismo televisivo. (altro…)


I dirigenti di Hulu sono felici ma sono anche molto infelici. Dopo dieci anni di investimenti e di ricerca, la società di streaming tv posseduta da Nbc Universal e News Corp (12 milioni di abbonati ma con un’attività limitata al territorio degli Usa), ha raggiunto un risultato impensabile: ha battuto sul filo di lana concorrenti temibili (e globali) come Netflix e Amazon e ha stravinto, prima nella storia della tv online, il Primetime Emmy Award nella categoria Best Series con l’acclamato Handmaid’s Tale. Ad Hulu ne sono felici e hanno già stappato una bottiglia di champagne. Nello stesso tempo però sono anche molto infelici. (altro…)

snapchat-discover

 

Continuano a chiamarli “Generazione Z” (l’ultima generazione del vecchio secolo), ma i veri millennials, i ragazzi che avranno 18 anni fra qualche mese, sono invece una “Generazione A”, i primi ad essere nati e cresciuti nel Duemila. Per loro la tv è un elettrodomestico inventato ai tempi di Orwell più di sessanta anni fa (i loro nonni erano neonati). E’ solo un pezzo di archeologia. La televisione più usata dagli adolescenti è una tv completamente nuova (Generazione A), ha un altro nome e utilizza un’altra tecnologia. (altro…)

Women you are more beautiful than you think - The Dove Campaign

You are more beautiful than you think – The Dove Campaign

“The real beauty” è il titolo di una campagna pubblicitaria che la “Dove” lanciò con successo nel 2004 e che nel 2013 ha toccato il suo apice con un video virale di grande successo sul web: “You are more beautiful than you think”. (altro…)

I nodi sono tanti. Il primo è quello relativo alla riduzione dei finanziamenti di Rai e Mediaset. Il secondo riguarda invece la spartizione dei diritti. In molti si domandano anche: l'Apt finirà per entrare nell'Anica?

I produttori televisivi italiani sono ad un bivio e il compito del successore di Fabiano Fabiani non sarà semplice. I nodi sono tanti. Il primo è quello relativo alla (altro…)