Serve anche la tristezza: la nuova educazione alle emozioni aiuta i bambini e gli adolescenti a far pace con la vita e con se stessi | AgenSIR

Pubblicato: 5 ottobre 2016 in la giusta distanza

Il tema era stato ampiamente anticipato dal film “Inside Out”. Il contrasto fra i due personaggi, Joy e Sadness, nel finale della pellicola si risolve a favore della seconda. Dato che il suo ruolo nel film non è ben chiaro neppure a se stessa, Sadness (la tristezza) è considerata meno importante delle altre emozioni. Si scoprirà solo alla fine che il suo scopo è segnalare il bisogno della giovane protagonista di ricevere conforto dalle persone che le vogliono bene. Sembrava solo una buona idea per la sceneggiatura di un cartone animato di successo. Ma non è così. Negli Usa, l’argomento è studiato con molta serietà. “Aiutare un bambino a sentirsi di nuovo felice può offrire sollievo immediato sia ai genitori sia ai figli, ma non aiuta un bambino a lungo termine. Insegnare ai bambini a navigare nel loro mondo emotivo è un fattore critico per il successo in tutta la loro vita futura”, ha detto Susan David, autrice del libro “Emotional Agility” uscito da poco nelle librerie statunitensi.

Sorgente: Serve anche la tristezza: la nuova educazione alle emozioni aiuta i bambini e gli adolescenti a far pace con la vita e con se stessi | AgenSIR

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...